1250 anni - Una festa per San Candido

Gli anniversari sono sempre avvenimenti speciali per la vita di una comunità cittadina e importanti occasioni per volgere lo sguardo al passato, riflettere sul presente e trarne nuove prospettive. È errato considerarli un evento nostalgico o un pretesto per mettere in atto strategie di marketing poiché sono una chance di progresso per tutta la comunità. Un anniversario, infatti, offre la possibilità di accrescere la propria visibilità, consolidare legami, aumentare la coesione e ridurre i punti di debolezza. È una grande sfida, ma soprattutto una grande e rara opportunità di consolidare e ampliare lo sviluppo del comune.

web-ann
box-jubilaeum4
web-ann2
L᾽occasione
L᾽occasione è una fondazione unica nel suo genere. Quella cioè del Monastero di San Candido, fondato dal duca Tassilo III nel 769 ed edificato, subito dopo la donazione, dall'abate Atto von Scharnitz che, così facendo, gettò altresì le basi di un prestigioso punto di riferimento religioso e culturale nell'arco alpino. L᾽atto di fondazione fu storicamente molto precoce: circa 150 anni prima della donazione del Meierhof Prihsna al vescovo di Sabbiona (901), oltre 370 anni prima della fondazione dell'Abbazia di Novacella (1142) e ben 400 anni prima dello sviluppo delle città di Bolzano, Brunico e Merano. Con questo monastero, edificato in un luogo strategico, ossia nell'area scarsamente popolata della Val Pusteria, sorsero un luogo di culto di grande influenza e una comunità religiosa che accrebbe sensibilmente il valore di San Candido in un contesto prettamente agricolo.

E fu proprio tale ubicazione a determinare il calibro di San Candido, mentre il connubio tra polo religioso e polo culturale, la sua evoluzione a comune con diritto di mercato dal carattere spiccatamente imprenditoriale e il fatto di essere punto nevralgico tra importanti vie di comunicazione a lunga percorrenza sono tutti aspetti che distinsero San Candido dai paesi vicini e accentuarono la sua peculiarità. Sono i pilastri di una precisa identità che, in occasione del giubileo, deve essere rafforzata e debitamente comunicata.
box-jubilaeum
box-jubilaeum2
box-jubilaeum3
Gruppo d'iniziativa
Dall᾽agosto del 2015 un gruppo, che ha come portavoce incaricato dall᾽Associazione Turistica di San Candido Franz Ladinser, si occupa di preparare in modo accurato il giubileo del 2019. A questo gruppo, che si incontra regolarmente dall'estate del 2015, appartengono, oltre al sopracitato Franz Ladinser, Caterina Candido, Harald Kraler, Josef Kühebacher, Hansjörg Plattner, Hannes Senfter, Michael Wachtler, Herbert Watschinger, Roberta Webhofer e Silvia Wisthaler. A settembre 2016, Waltraud Jud ha assunto il ruolo di segretaria.

Su incarico del Comune di San Candido, Bernd Karner e Klaus Tumler (Chiron – Bildung & Forschung) hanno coadiuvato il gruppo nella scelta della propria metodologia di lavoro. Durante un primo incontro, avvenuto il 18 agosto 2015, sono state definite le dead line e le modalità di svolgimento di un workshop per trovare idee. Questo ha avuto luogo il 31 agosto 2015, e in tale sede il gruppo si è riunito per raccogliere le prime idee e per sondare la disponibilità sostanziale a organizzare gli eventi per il giubileo. Infine, si è discussa la possibilità di approfondire la ricerca di idee, ampliando il dialogo alla comunità cittadina.
Dialogo tra i cittadini per un brainstorming sulle iniziative
Il 10 novembre 2015, la popolazione di San Candido è stata invitata a partecipare a un᾽ “Officina delle idee” nella Casa Josef Resch. L᾽incontro, condotto da un moderatore, si è svolto secondo il format del World Café. Il processo creativo, dunque, si è messo in moto in un᾽atmosfera rilassata come quella di un caffè e, nell᾽arco di diverse ore, i partecipanti si sono scambiati informazioni e idee.

I membri del gruppo di lavoro hanno fatto gli onori di casa: suddivisi in nove tavoli, ognuno incaricato di occuparsi di un tema diverso tra storia, tradizione, cultura/ricerca, luoghi, natura, visibilità, arte, religione (tranne un tavolo a tema libero), hanno condiviso opinioni con chi sedeva accanto a loro e hanno raccolto nuovi spunti, punti di vista e idee di progetto. Al termine dell'incontro ogni tavolo è stato invitato a presentare il frutto di tale confronto.

Hanno trovato grande consenso idee quali, a titolo d᾽esempio, la pubblicazione di un saggio commemorativo di Egon Kühebacher basato su documenti risalenti al periodo compreso tra l᾽VIII e il XIX secolo, l᾽elaborazione di un progetto per Piazza del Magistrato incentrato sul campanile, la rivalutazione del Museo della Collegiata, l᾽affermazione di San Candido come sede congressuale per tematiche legate alla soluzione di conflitti, l᾽accessibilità temporanea al campanile della Collegiata, la conduzione fino in paese delle acque dei Bagni, un piano d᾽illuminazione cittadina più mirato, l᾽invito per scrittori e artisti nel corso dell᾽anno giubilare affinché descrivano la città e i suoi abitanti, la trasformazione del convento e del suo giardino in un᾽oasi di silenzio e il rafforzamento della comunità cittadina con diversi progetti.
 
A queste proposte si sono aggiunte innumerevoli altre idee, annotate dai partecipanti, che sono diventate, così come i risultati già valutati, la base delle successive discussioni del gruppo di lavoro.
La scelta delle idee
Il 26 novembre 2015 il gruppo di lavoro si è riunito per discutere e rielaborare ciò che è emerso dal dialogo tra i cittadini e per effettuare una prima scrematura delle idee da essi proposte, al fine di dare inizio alla seconda fase del progetto e cioè alla precisa elaborazione di un piano di attuazione. I primi progetti, giudicati realizzabili, sono stati presentati all᾽inizio del 2016 dai membri del gruppo direttivo ai rappresentanti del Comune e dell᾽Associazione Turistica. In tale circostanza sono stati anche definiti un primo organigramma e una tabella di marcia nonché avanzate diverse proposte per il motto dell᾽evento.
Forma giuridica del gruppo direttivo
Nell᾽ambito dell᾽incontro del gruppo direttivo, avvenuto in data 11 febbraio 2016, è stata discussa la forma giuridica dello stesso. In seguito a colloqui con i consulenti fiscali è emerso che il Comitato per l᾽educazione permanente di San Candido soddisfa tutti i requisiti per poter assumere il ruolo di associazione promotrice per lo svolgimento formale delle manifestazioni in occasione del giubileo.

Nel corso di diversi incontri avvenuti nella primavera del 2016, i membri del “Comitato giubilare”, come è stato denominato il gruppo, hanno elaborato un progetto per la giunta comunale.
Approvazione delle proposte di progetto

Tale progetto è stato sottoposto all᾽attenzione della giunta comunale di San Candido in data 25 maggio 2016. La giunta ha deciso all᾽unanimità di:

  • approvare le proposte presentate dal gruppo di progetto per la realizzazione degli eventi in occasione di “San Candido 2019 – 1250° anniversario della fondazione di San Candido”;
  • esplicitare che l᾽approvazione di tali proposte non ne rende obbligatoria la realizzazione che, invece, deve dipendere esclusivamente dalle possibilità finanziarie del comune;
  • autorizzare la giunta comunale a incaricare il Comitato per l'educazione permanente della realizzazione delle proposte e delle ulteriori iniziative per il giubileo;
  • assegnare al bilancio comunale le risorse finanziarie non mobilitate dal Comitato per l᾽educazione permanente.

Alla luce di quanto sopra, la giunta comunale ha incaricato il Comitato per l᾽educazione permanente di San Candido della progettazione, organizzazione e realizzazione delle attività in occasione del giubileo. Il Comitato per l᾽educazione permanente, dal canto suo, ha delegato tali compiti al Comitato giubilare presieduto da Franz Ladinser.